Mondiali 2018: la nazionale degli esclusi

Il mondiale di Russia è nel pieno dello svolgimento, un mondiale che però non vedrà nazioni prestigiose come l’Italia quattro volte campione del mondo e l’Olanda, per tre volte in finale nella sua storia. Tante le mancanti all’appello a cui eravamo abituati, tra cui anche Cile, due volte trionfatore in Sudamerica e il Ghana, campione d’Africa per quattro volte, e mancano dall’Africa anche Costa d’Avorio e Algeria. L’assenza pesa anche per Usa, Cina e Qatar, paesi emergenti dnel mondo del calcio a far posto a Iran, Corea, Costa Rica e Arabia Saudita non sempre tra le grandi.

Le esclusioni eccellenti 

Ma forse è anche questa la lealtà dello sport, permettere a tutti, nei campi, di meritarsi e partecipare oltre al mettersi in mostra. Purtroppo l’altra faccia della stessa medaglia è non poter vedere scendere in campo giocatori forti, famosi e affermati nei rispettivi club. Se si aggiungono anche gli infortunati il mondiale di Russia 2018 rinuncia a un sacco di buoni professionisti, oltre alle esclusioni eclatanti ed eccellenti da parte di commissari tecnici di determinate nazionali, una su tutte l’Argentina che si priva di Icardi! Il gioco allora diventa semplice e quindi proviamo a fare una rosa di esclusi per capire cosa ne viene fuori e che possibilità avrebbe una squadra con questi elementi di portarsi a casa il trofeo.  Una nazionale degli esclusi, degli apolidi, di chi non ce l’ha fatta.  Vediamo nello specifico a chi toccherà guardare i mondiali da casa.

Da Buffon a Ibra: gli assenti illustri

Portieri: Buffon (Italia), Hart (Inghilterra), (Neuer (Germania) in forte dubbio);

Difensori: Van Dijk (Olanda), Chiellini (Italia), Bonucci (Italia), Cancelo (Portogallo), Alex Sandro (Brasile), Dani Alves (Brasile), Aurier (Costa d’Avorio); Ghoulam (Algeria).

Centrocampisti: Allan (Brasile), Vidal (Cile), Pulisic (USA), Emre Can (Germania) Gotze (Germania) Kessiè (Costa D’avorio), Payet (Francia); Strootman (Olanda), Pjanic (Bosnia), Hamsik (Slovacchia).

Attaccanti: Lacazette (Francia), Robben (Olanda), Dzeko (Bosnia), Papu Gomez, Icardi (Argentina), Bale (Galles), Ibrahimovic (Svezia), Aubameyang (Gabon), Sanchez (Cile).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *